I tre anni di #unpodivita: le famiglie con i bambini con disabilità al centro dell’iniziativa

#unpodivita è stata la nostra prima iniziativa, nata nel novembre 2017, poco dopo che abbiamo creato l’associazione. Fin da subito abbiamo messo al centro la famiglia e non solo il bambino con disabilità, fin da subito abbiamo pensato anche ai genitori e ai fratelli che vivono quotidianamente la disabilità del figlio e del fratello o della sorella. Sono ancora oggi in noi, genitori di Hervé, vivi i ricordi che se non c’è una persona preparata e professionale spesso la famiglia non ha nessuno a cui lasciare il figlio con disabilità e poter uscire anche solo per fare una passeggiata con i fratelli oppure dedicare un momento alla coppia. La disabilità richiede tanta forza, anche emotiva e tanta lucidità ed è davvero fondamentale il riposo psico-fisico per affrontare la quotidianità e progettare il futuro anche se molto precario.

Si vive di alti e bassi, ma bisogna vivere, osare, sognare perché il tempo non torna indietro e i fratelli non avranno una seconda infanzia. Con #unpodivita ci siamo concentrati proprio sui fratelli offrendo loro le attività sportive, le settimane dei centri estivi, le esperienze da vivere con i genitori! Spese alle quali molto spesso la famiglia è costretta a rinunciare perché la disabilità in famiglia fa si che uno dei due genitori debba rinunciare al lavoro oppure ridurre drasticamente le ore. Ciò significa meno risorse naturalmente per coprire i comunque tantissimi bisogni nuovi che crea la disabilità (viaggi in ospedale, consulenze private, ausili e farmaci non coperti dal SSN sono solo alcuni esempi). Nel 2019 la nostra iniziativa ha ricevuto un riconoscimento dal Consiglio regionale Valle d’Aosta (pari a 4.000 euro) e un sostegno da parte di Catherine Bertone, mamma, medico e atleta, per la parte riguardante le attività sportive che offriamo ai fratelli, oltre che il sostegno economico di tantissimi donatori privati anche tramite la piattaforma Helperbit.

Alcuni scatti dell’iniziativa #unpodivita

In particolare con questa iniziativa La casa di sabbia sostiene le famiglie con:
– assistenza specialistica a domicilio (ad esempio un’infermiera oppure un educatore)
– iscrizione a corsi, associazioni sportive, ecc. per i fratelli e le sorelle
– attività ricreative per i fratelli da svolgere anche con i genitori.

Dal 2018 abbiamo sostenuto più di 30 famiglie donando ai fratelli le attività sportive, le settimane dei centri estivi, i campus sportivi, i corsi di lingua, le ore di assistenza educativa a casa, le esperienze da vivere tra i genitori e fratelli. In totale in più di tre anni abbiamo sostenuto una spesa che supera 20.000 euro! E’ un impegno costante che portiamo nel cuore perché la disabilità tocca tutta la famiglia ed è di tutta la famiglia che bisogna prendere cura.

Scopri come sostenere le nostre iniziative!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *