La casa di sabbia compie un anno!

Oggi l’associazione La casa di sabbia compie un anno.
Un grazie di cuore a tutti voi che state contribuendo economicamente, materialmente e moralmente alla crescita dell’associazione.
Siete in tantissimi e noi vi promettiamo che continueremo con dedizione e competenza ad aiutare le famiglie con i bambini disabili gravi e a stimolare il sistema verso il miglioramento (con le buone o con le cattive).

Il primo anno ci ha portato a:

📌 rendere nuovamente gratuito il trasporto degli alunni disabili in Valle d’Aosta (anche se a nostro avviso ci sono ancora alcuni dettagli da migliorare e ce ne occuperemo a breve);
📌 rendere più trasparente l’accesso ai contributi per i caregiver in Valle d’Aosta erogati dalla Regione a valere dal Fondo per la non autosufficienza;
📌 fornire l’assistenza legale a 7 famiglie in difficoltà (incluso il ricorso per l’infermiera a scuola per Hervé);
📌 sostenere economicamente 15 famiglie e pagare 36 settimane di centri estivi a 16 fratelli per consentire a loro di passare i momenti di svago e di socializzazione;
📌 costituire un gruppo di sostegno in Valle d’Aosta per i fratelli dei bambini disabili che saranno seguiti da una psicoterapeuta che gli accompagnerà (gli incontri partono a novembre);
📌 lanciare un’iniziativa (in corso) per stabilire le regole chiare sulla nutrizione artificiale a scuola dei bambini (senza queste regole spesso i bambini non vanno a scuola);
📌 lanciare una proposta di legge di iniziativa popolare in Valle d’Aosta per erogare dei contributi per le spese di viaggio e di soggiorno a chi deve intraprendere i percorsi di cura fuori regione (in corso);
📌 sensibilizzarvi sulle cure domiciliari dei bambini disabili gravi (grazie all’opera del fotografo Stefano Scherma e alla partecipazione alle iniziative organizzate da Edileco Run24, Carlsberg Italia S.p.A, Amici della Biblioteca di Gignod, Scuola media di Charvensod e Associazione Civica di Quart.

Ma soprattutto quel primo anno ci ha portato a incontrare realmente e virtualmente delle persone meravigliose che sappiamo hanno a cuore la vita delle famiglie con i bambini disabili gravi, essere scioccate da ciò che fa il sistema e volerlo migliorare con noi!

La disabilità grave può toccare chiunque, ma la vita delle famiglie deve esistere anche dopo. Questo diventa impossibile se il sistema non c’è oppure è sfuggente. Noi cerchiamo di focalizzare l’attenzione del sistema su questa problematica che sarà sempre più presente nella quotidianità delle famiglie.

Agnieszka Stokowiecka e Sonia Furci con Paola Borgnino presso Radio Proposta Blu in occasione dell’intervista.

Grazie di cuore di essere dalla parte delle famiglie!

Agnieszka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *